Raccontami una storia…

kay

 

opera in concorso(n.d.r)

kay80

Ultimi Verticalismi di kay80

  • Nessun altro verticalismo di kay80 al momento

Commenti

  1. ifry scrive:

    MAMMA MIA CHE VERTICALISMO!!!
    a parer mio il migliore (verticalismo intendo).
    Tutte le componenti le vedo equilibrate: colore, tratto (leggero, pulito, morbido, sinuoso), e testi.
    come se tutto fosse una calda, dolce ed accogliente ninna nanna.

    1. eli6 scrive:

      sì:quoto,dà un non so che di illustrazioni fiabesche….

      1. Red73 scrive:

        ……caldo e accogliente direi, come le copertZZZZzzzzzzz…ROnf….zzzzzzzz……

    2. diccilatua scrive:

      Per la prima volta sono d’accordo con IoFritto,
      ma peccato che NON ha vinto il concorso…

      1. Alex77 scrive:

        se non sei d’accordo perchè poi pensi sia un peccato che non ha vinto al voto popolare?

  2. Mirko scrive:

    la Tarzan pelosa è un simbolo di rivendicazione

  3. Alia scrive:

    Meraviglioso! Il migliore di tutti, in più il tema della donna è stupendamente centrato. Donna-mamma, donna perfettamente in grado di ricoprire ruoli maschili, donna che sogna e con la sua forza li può realizzare questi sogni. Bei disegni, bella sceneggiatura. Bellissimo il verticalismo!

  4. edoluz scrive:

    ^_^

  5. francescadea scrive:

    stupendo! anche secondo me il verticalismo è eccezionale! (anche i disegni!!!)

  6. gio11 scrive:

    Mi unisco ai commenti: si respira uno stile.
    Rilevo una dicotomia di vedute tra autori maschi e femmine nelle loro interpretazioni del tema :-)

    1. grankyo scrive:

      Quindi secondo te l’autore di questa opera è donna?

    2. Alia scrive:

      Cmq è vero che gli uomini hanno prescelto un approccio più “violento” e meno delicato al tema.. Sarei curiosa anch’io di sapere di chi è questo lavoro. L’autore ci legge? può rispondere?

    3. kay80 scrive:

      il lavoro è frutto di un delicato incontro tra yin e yang :) proprio per poter abbracciare una visione ampia e non parziale dell’argomento.

      grazie a tutti dei complimenti e dell’entusiasmo col quale voi (e non solo voi, ma anche tutte le persone che mi hanno condiviso su facebook) avete accolto questo piccolo pezzo.

      sentitamente grazie.

    4. kay80 scrive:

      Ad ogni modo, nella fattispecie la natura del soggetto e i testi li dobbiamo all’opera del genio maschile, quindi a chi volesse insinuare una “disparità di vedute” dettate dal sesso dell’autore, rispondo che è solo questione di individualità.

      detto questo, chiedo a gio11 di argomentare meglio il suo pensiero perchè sono curiosa

      1. kay80 scrive:

        come non detto… diciamo che ho visto il verticalismo pubblicato da gio11 e ho capito da sola di cosa parlavi. http://www.verticalismi.it/50-mg/

        però, no, per fortuna sei caduto in errore… e non tutti gli uomini associano la femminilità alla supposta.
        A meno che non abbiano qualche strana parafilia legata al loro ano..

        cordialmente :)

  7. silvia scrive:

    la più bella…sì!

  8. fff scrive:

    Bello. Un prodotto maturo.

  9. gio11 scrive:

    @kay
    Ciao, personalmente ho trovato una forte sintonia tra testi e disegni e ho associato al tuo nome quell’impronta più intimista tipica femminile in contrasto con quella espressionista maschile. In realtà questa riflessione non voleva forzare una generalizzazione peraltro smentita nei fatti, ma solo rappresentare uno spunto di riflessione.

    In 50 mg non volevo certo associare la donna alla supposta, ma solo tentare un espediente umoristico: spero nessuna si sia offesa :-)

  10. Alex77 scrive:

    Mi sembra veramente un bel lavoro.
    Sicuramente quello che sfrutta meglio la verticalità.

    Testo un po’ lento all’inizio, leggero e brioso nel resto, così come il tratto pulito e intimista.

    Geniale la tarzan pelosa, tra l’altro un tributo sottile e brioso ad una visione femminile moderna e poliedrica.
    Intima la fine, che riesce a prendere il lettore.
    E’ un lavoro che ha un cuore.

    (p.s. lo “yin-yang” dichiarato dall’autore/trice fa un po’ liceo, cosa che non credo vista la profondità sia di tratto che di testo….ma comunque veramente complimenti)

  11. [...] Lo Spazio Bianco, MangaForever. La seconda edizione del Contest Verticalismi è stata vinta da “Raccontami una storia…” di Armando Perna e Maria Grazia Villani che si sono aggiudicati 800 euro di fumetti del catalogo [...]

  12. moral scrive:

    molto belli i disegni… ma la revenge? dove sta?..

  13. moral scrive:

    mi spiego: il tema non era solo sulle donne ma sulla rivincita delle donne.. e qui c’è solo la figura femminile, tra il tradizionale e il non tradizionale… molto belli i disegni ma secondo me non è centrato il tema al 100 per cento

    1. Mirko scrive:

      dal regolamento:

      “INTRODUZIONE

      Il tema scelto è : donna .

      Interpreta il termine “donna” in qualsiasi sfaccettatura tu voglia sposando il tema con l’esplorazione del supporto digitale e della narrazione verticale per display.”

      qui trovi il regolamento completo: http://www.verticalismi.it/regolamento-contest-verticalismi-2-011/

      come vedi il Revenge era inteso nel fatto di voler parlare di femminilità in un contest di fumetti. Grazie per il tuo intervento.

  14. [...] figura “donna” è stato vinto dalla coppia Armando Perna e Maria Grazia Villani con Raccontami una storia…Armando Perna, che collabora con il nostro sito e si occupa in particolar [...]

  15. moral scrive:

    ah ok :) con revenge nel titolo pensavo si intendesse la rivincita femminile non avevo letto con attenzione

  16. kay80 scrive:

    Umilmente m’intrometto e dico:
    Moral, per la verità per noi la traccia della rivincita c’era, anche se magari in chiave più intimista e non plateale.

    Sono, ahimè, le stesse donne ad essere conniventi con il maschile che prevarica, a fingere di non vedere la violenza, a favorire con la propria passività la perpetuazione di un reato, e talvolta se ne fanno protagoniste.
    Non so se lo sai, ma sono le stesse donne, madri e nonne, ad asportare i genitali alle bambine, nei paesi in cui questo orribile crimine viene portato avanti.

    Perciò, al di là di come la si pensi sul rapporto uomo-donna, la vera rivincita parte dalla rivoluzione di sè stessi e del mondo femminile.

  17. kay80 scrive:

    Colgo l’occasione comunque per ringraziare tutti,
    Quanti ci hanno sostenuto con i loro complimenti, più che mai apprezzati, e quelli che hanno criticato fornendoci i loro punti di vista, offrendoci importanti spunti di riflessione sul nostro lavoro.

    Grazie di cuore a tutti.

  18. moral scrive:

    conosco bene le donne perché sono una donna, si lo so benissimo come vanno le cose nel mondo… per me il problema è a monte per me non hanno senso le categorie femminile e maschile, dovrebbe solo esserci la personalità indipendentemente dalla categoria sessuale di appartenenza .. avrei allora preferito una storia con questi stessi disegni ma che mettesse la protagonista davanti a una scelta e da lì imponesse la “sua” femminilità.. e cmq non sono d’accordo con il prototipo di femminile tutto pace e amore e quello maschile violenza e simili.. poi arriva un ragazzo a cui piacciono i peluche e tutti andranno a dire che è gay.. io non mi sono ritrovata in questo prototipo di femminilità ma anche se fossi stato un uomo avrei cmq potuto esprimere il mio giudizio in merito.. le madri amorevoli? anche i padri dovrebbero essere amorevoli, tutto sta alle persone e al loro livello etico non di appartenenza sessuale

  19. moral scrive:

    per me non esiste un mondo femminile.. come non ne esiste uno maschile.. sono punti di vista e ne sono consapevole (sia il mio che il vostro).. avrei preferito una storia in cui la vera rivincita stava nella distruzione delle categorie, tutto qui, ciao